Il Tartaro: che cos’è e cosa è importante sapere a Sassuolo – Modena

Nel corso di questo articolo risponderemo a quanti ci hanno chiesto che cos’è il tartaro, come si forma il tartaro e perché è importante la prevenzione, al fine di scongiurare eventuali problematiche a danno della dentizione, e come sempre partiremo da una definizione.

 

Che cos’è il tartaro?

In breve potremmo dire che il tartaro è un sedimento che si forma dalla mineralizzazione della placca dentale, e che è in grado di attecchire con tanta forza che non siamo in grado di rimuoverlo con lo spazzolino durante l’igiene domestica quotidiana.

Soltanto una seduta di igiene dentale professionale con l’igienista dentale riesce a garantire la completa rimozione del tartaro dalla superficie dentale, grazie all’utilizzo di particolari ablatori, e dalle manovre di una esperta laureata in igiene dentale.

 

Come si riconosce il tartaro?

A colpo d’occhio si possono notare dei sedimenti sulla superficie dentale, e in prossimità della gengiva caratterizzati da un colore giallognolo che – a seconda delle sostanze con cui può venire in contatto, come ad esempio il fumo di sigaretta che tende a scurirlo – solo in sporadici casi può tendere al grigio scuro o al biancastro.

 

Tipologie di tartaro

Semplificando possiamo distinguere due tipologie di tartaro.

Tartaro sottogengivale: si tratta di un tartaro caratterizzato da un colore rossiccio a causa di piccole emorragie a danno delle gengive, e si forma appunto sotto la gengiva, nelle cosiddette Tasche Parodontali. Si tratta di un sedimento particolarmente insidioso, dato che sulle prime non risulta visibile, ma con il tempo può provocare l’insorgenza di patologie quali la parodontite, ed è persino molesto per quanto riguarda i rapporti interpersonali, dato che è spesso riconducibile a problemi di Alitosi.

Tartaro presente sulla superficie dentale: si tratta di un tartaro caratterizzato dalla formazione di piccoli sedimenti dal colore giallognolo o biancastro, ben visibili sulla superficie esterna del dente che ha la particolarità di formarsi in un brevissimo lasso di tempo.

Problematiche quali la formazione di carie sono legate alla presenza di batteri e tartaro all’interno della cavità orale, ma va ricordato che anche i tessuti molli sono aggrediti dalla tossicità di certi depositi di batteri.

 

Formazione del tartaro

Al termine dei pasti è sempre opportuno lavarsi bene i denti perché i residui di cibo ancora presenti nella cavità orale vengono aggrediti da certi batteri che originano la cosiddetta placca batterica, ovvero una sorta di pellicola incolore che depositandosi avvolge la superficie dei denti, e che se non viene rimossa correttamente spazzolandosi i denti, utilizzando filo interdentale fra dente e dente, e risciacquando bene con del buon collutorio, dopo dodici-diciotto ore si mineralizza in un deposito di tartaro. La placca batterica si combina a fosfati e sali calcarei contenuti nella saliva, originando un sedimento molto solido che aderisce con forza alla superficie dentale: ecco perché i sedimenti si trovano con maggiore frequenza nei pressi delle ghiandole salivari.

 

Come reagisce la gengiva a tutto questo?

Il risultato di questa aggressione da parte dei batteri sarà una recessione gengivale:  la gengiva tenderà prima a gonfiarsi, per poi allontanarsi gradualmente dal dente. Aumenterà progressivamente il solco gengivale, causando una tasca parodontale, all’interno della quale vi possono penetrare oltre quattrocento tipi di batteri presenti all’interno della bocca. Si tratta di microorganismi patogeni in grado di prosperare persino in assenza di ossigeno, per cui sono in grado di moltiplicarsi all’interno della tasca, per poi arrecare danni considerevoli al parodonto, ovvero a quel sistema di strutture che mantengono saldo il dente nella sua posizione. I danni causati da questo tipo di infezioni non si limitano alla dentatura: nei casi più gravi si possono insinuare nella circolazione sanguigna, il che comporta il coinvolgimento di altri organi o tessuti dell’organismo.

 

Prevenzione del Tartaro a Sassuolo – Modena

Per quanto possa sembrare ridondante, per quanto possiamo reputarlo banale, dato che ce lo siamo sentiti dire spesso e ripetere nelle tante campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione, il più valido aiuto contro l’insorgenza di qualunque tipo di patologia resterà sempre legato al nostro amor proprio che prevede una corretta igiene orale domestica, accompagnata a visite periodiche di controllo e ad una seduta di igiene orale professionale ogni sei mesi circa, a seconda delle proprie peculiarità che sarà cura del dentista e igienista di fiducia indagare nel dettaglio.

In mancanza di questi presupposti dobbiamo essere consapevoli dei possibili danni biologici, estetici, psicologici, e persino economici che possono infliggerci la compromissione o la perdita di uno o più denti causati dalla trascuratezza.

 

…e se il tartaro si è già formato?

Niente paura, se vengono rispettate le regole fondamentali di igiene domestica, associate a visite di controllo periodiche, sarà sempre possibile porvi rimedio per tempo tramite una ablazione del tartaro con strumenti professionali. L’igienista utilizzerà un ablatore professionale, dotato di una testina che vibra grazie a degli ultrasuoni, e che è in grado di rimuovere il tartaro formatosi sulla superficie dei denti e in prossimità delle gengive.

Al termine di questa prestazione professionale si passerà alla fase di lucidatura, allo scopo di ridurre il rischio di infiammazioni gengivali.

Intercettare precocemente eventuali problematiche, cioè prima che queste causino dei danni ai denti, in fondo non è poi così difficile: ricordiamo che una visita di controllo periodica dal dentista, ed una seduta di igiene professionale con ablazione del tartaro, resteranno sempre i migliori sostenitori della salute dei nostri denti. 

Odontoiatrica San Damiano ha sempre attiva una campagna di sensibilizzazione in tal proposito, proponendo a tutti coloro che non sono ancora nostri pazienti l’opportunità di avere una seduta di igiene orale professionale, comprensiva di un check-up completo per un costo complessivo di 49€.


Se desiderate ricevere maggiori informazioni sulla Prevenzione Odontoiatrica, o volete fissare una Prima Seduta di Igiene Professionale comprensiva di Check-up completo con la nostra équipe, potete chiamarci al numero 
0536 807171 dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 19:00, oppure potete compilare il modulo che trovate qui a fianco per essere ricontattati dal personale di Odontoiatrica San Damiano.

 

Contattaci

6 variabili fondamentali da tenere in considerazione quando si parla di igiene dentale:

1-odzqhet0zjtju18ojxupbap2tsdkn9y4cxwidaqwh4

La struttura alla quale ci si rivolge, la sua serietà e le tecnologie delle quali dispone.

2-odzqismh1rpqxd8bh1dxhg4ib7k0z8fw7sh8syp1bc

L’esperienza dei professionisti che si occuperanno della vostra salute.

3-odzqktxvuui42y9tkx2tvxmgn9innmiyhvd48jobu0

L’utilizzo di un metodo consolidato che permetta di prevedere ogni possibilità.

4-odzqm6thq8d0uoatni7fhlafjatqrvx00lad6xnuug

Il livello di sicurezza e la provenienza delle componenti utilizzate in un’ottica di salute e durata.

5-odzqmoofc31gz9kvr7xcays6tmdpu4vwf1olb6xdk8

Il giusto costo del piano di cura poiché la salute dev’essere alla portata di tutti.

6-odzqngvl1442nkfx6k45dro0n6iq91zuix95phrkdk

Un risultato performante, duraturo e che faccia sentire la persona a proprio agio con se stessa e con gli altri.

Seguici sui social

numero telefonico dentista sassuolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Prenota il tuo Check Up